Bando per il sostegno a progetti nazionali sul riconoscimento reciproco della Carta europea della disabilità

Il bando intende sostenere il lancio e la fase di avvio della Carta europea della disabilità con le seguenti priorità.

Priorità 1:
Istituzione o rafforzamento delle organizzazioni nazionali della EU Disability Card (DCNOs: entità governative e non governative) con i seguenti compiti: a) rilascio della carta; b) mantenimento dei contatti con i fornitori di servizi per quanto riguarda le agevolazioni previste dalla Carta.
Verranno sostenute in particolare le seguenti attività: assetto organizzativo e rafforzamento dei DCNO, compreso il potenziamento di risorse umane (come l’assunzione di personale supplementare) e/o materiali (come l’acquisto di apparecchiature e software necessari); rilascio della Carta europea della disabilità (con un design comune), produzione, stampa, rilascio della Carta e misure antifrode.

Priorità 2:
Determinazione del pacchetto nazionale di benefit che gli Stati membri sono pronti a riconoscere reciprocamente e adozione delle misure nazionali necessarie per rendere questo possibile.
Verranno sostenute in particolare le seguenti attività: raccolta di dati, creazione di un elenco dei benefit concessi, per esempio per mezzo di un database; campagne di informazione e promozionali, sia nei confronti degli utenti che verso i fornitori; creazione del sito web nazionale con informazioni chiare, in formato accessibile, sugli enti responsabili e i benefit forniti.

La Carta europea della disabilità sarà operativa solo negli Stati UE (e quindi per i loro cittadini e residenti) in cui verranno attuati progetti a seguito di questo bando.

 

 

http://csvnet.it/infobandi/infobandi-europa/bandi-attivi/315-bando-per-il-sostegno-a-progetti-nazionali-sul-riconoscimento-reciproco-della-carta-europea-della-disabilita

Bando per il sostegno a progetti nazionali sul riconoscimento reciproco della Carta europea della disabilitàultima modifica: 2015-08-25T11:35:01+02:00da studiofv
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento