Credito d’imposta Ricerca e Sviluppo dopo la Legge di Stabilità 2015

“Il Decreto Destinazione Italia (D.L. n. 145/2013, convertito, con modificazioni, nella Legge n. 9/2014) ha introdotto un credito d’imposta a favore delle imprese che investono in attività di ricerca e sviluppo.

La Legge di Stabilità 2015 ha di recente riscritto la disciplina di tale credito d’imposta, che ora è riconosciuto:
  • per gli anni 2015-2019 (anziché 2014-2016);
  • a favore di tutte le imprese che investono in attività di ricerca e sviluppo, a prescindere dal fatturato (non più solo quelle con un fatturato annuo inferiore a € 500 milioni);
  • fino ad un importo massimo annuale di 5 milioni di euro (anziché 2,5 milioni di euro) per ciascun beneficiario;
  • nella misura del 25% (e non più del 50%) degli incrementi annuali di spesa nelle attività di ricerca e sviluppo rispetto alla media dei 3 periodi d’imposta precedenti a quello in corso al 31.12.2015, sempreché siano sostenute spese per attività di ricerca e sviluppo pari ad almeno € 30.000 (anziché € 50.000) in ciascuno dei periodi d’imposta;
  • anche per le spese relative a competenze tecniche e privative industriali”.

 

http://www.fiscoetasse.com/approfondimenti/12078-credito-d-imposta-ricerca-e-sviluppo-dopo-la-legge-di-stabilit-2015.html

Credito d’imposta Ricerca e Sviluppo dopo la Legge di Stabilità 2015ultima modifica: 2015-07-28T09:04:25+02:00da studiofv
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento