Banda Ultra Larga. Il governo accelera

Il Governo accelera sulla Banda Ultra Larga. Con una delibera del 6 agosto, il Cipe ha sbloccato i primi 2,2 miliardi di euro per avviare i cantieri in 6.800 comuni a partire dal prossimo autunno. Gli interventi saranno realizzati nelle cosiddette “aree a fallimento di mercato”, in cui per i privati non sarebbe conveniente investire senza gli incentivi pubblici.

Infratel Italia, società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico controllata da Invitalia, è stata individuata come soggetto attuatore del piano per portare la connessione veloce in tutto il Paese.

L’obiettivo è avere entro il 2020 una copertura di rete ad oltre 100 Mbps fino all’85% della popolazione e di portare il 100% della popolazione ad almeno 30 Mbps.

Per attuare gli interventi Infratel emanerà appositi bandi di gara e potrà anche realizzare le infrastrutture con interventi diretti.

I 2,2 miliardi appena sbloccati – reperiti dalle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020 – rappresentano la prima “tranche” degli investimenti previsti. Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha dichiarato che il Piano Banda Ultra Larga vale complessivamente 12 miliardi, di cui 7 pubblici e 5 privati.

 

http://www.invitalia.it/site/new/home/chi-siamo/area-media/notizie-e-comunicati-stampa/banda-ultra-larga-infratel.html

Banda Ultra Larga. Il governo acceleraultima modifica: 2015-08-19T10:44:23+00:00da studiofv
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento